AlimentiBBQ

STUBB’S Liquid Smoke, provato e riprovato per voi!

Pubblicato il

In pieno centro a Milano ha aperto un negozietto specializzato in soli prodotti alimentari USA.

Si tratta dell' Ameircan Crunch.

Qui mi sono imbattuto in una bottiglietta magica, il Liquid Smoke!

Ne avevo parlato qualche giorno fa, come prodotto da provare… ed eccoci qui, ad averlo tra le grinfie e iniziare i nostri test!

Nello specifico trattasi del Stubb’s Liquid Smoke “Hickory", una delle marche commerciali più note negli USA e da sempre associate al mondo del BBQ.

Come da etichetta questo fumo liquido è arricchito di salsa di soia, zucchero di canna e spezie.

Aprendo il tappo fuoriesce un intenso profumo di affumicato, senza alcuna nota “chimica” come descritto in teoria, ma devo dire che la cosa mi ha piacevolmente sorpreso, pur essendo una conferma.

Non resta che provarlo per capire come usarlo al meglio!

TEST n° 1

Non avendolo mai utilizzato, mi dedico alla lettura dei “consigli per l’uso” prima di procedere.

Viene suggerito di usarne qualche goccia sulla carne, prima della cottura. “Il sapore molto intenso potrebbe risultare spiacevole se mal dosato”.

Prendendo spunto dall'etichetta decido di insaporire l’olio “pre-rub” con qualche goccia di Liquid Smoke… 6 gocce diluite in un cucchiaio di olio.

La nostra cavia sarà un petto di pollo! Le sue carni delicate saranno la giusta base per riconoscere i sapori che andremo ad aggiungere.

Mescolo bene il mix di olio e fumo liquido, spennello il pollo, e procedo ad applicare un rub che non abbia uno spiccato sentore affumicato, così da valutare meglio il risultato finale!

Cuoco in forno a 180° fino a raggiungere i 75° C al cuore.

In cottura il profumo di affumicato si diffonde nell’ambiente, con gli stessi sentori del prodotto “sniffato” in purezza direttamente dalla boccetta.

A cottura ultimata, aprendo lo sportello del forno, il profumo non è eccessivo né invasivo, e questo mi fa ben sperare.

Sfilaccio il mio petto di pollo, succulento come volevo e dal profumo affumicato sempre presente.

Al palato però nulla, nessuna percezione “smokey”, nessuna nota affumicata, nessun gusto di american BBQ…

Probabilmente in cottura il prodotto perde gran parte della sua spinta.

 

TEST n° 2

Ho provato ad utilizzare il liquid smoke in purezza per spennellare delle coscie di pollo prima di applicare il rub.

 

Ne ho applicata una dose generosa, per poi spolverare con un rub privo di note affumicate

Anche in questo caso in cottura di è sparso un bel profumo affumicato.

Al palato però la percezione di affumicatura è irrisoria. Lergemente più "presente" del test precedente… Ma davvero molto leggera!

CONCLUSIONI

Il liquid smoke in cottura perde le sue proprietà "orgaolettiche". 
 

TEST n°3

Proviamo ad insaporire la carne non solo all'esterno, ma anche "all'interno".

In questo caso aggiungo il liquid smoke a del macinato di manzo, per creare poi delle polpette. 

Ho usato 1 cucchiaio di liquid smoke per circa 300 gr di macinato

Ho condito il tutto con un rub "neutro" e ho realizzato delle piccole polpette, passate nel pan grattato prima di essere cotte in padella.

In cottura il profumo non era particolarmente intenso, ma si sentiva una nota di affumicato.

Al morso finalmente si è percepito il sapore "smokey" che stavo cercando. 

Siamo ancora lontani da un risultato pienamente convincete , ma credo di aver indivuato la strada giusta!

 

Tra di voi c’è qualcuno che lo ha già sperimentato?

Condividete con me i vostri risultati, replicherò le vostre ricette e vi restituirò le mie sensazioni!

4 pensieri su “STUBB’S Liquid Smoke, provato e riprovato per voi!

  1. L'ho usato parecchio sia in forno che griglia elettrica, prima dell'acquisto dell'agognato kettle.

    in effetti il profumo è forte, il sapore svanisce in cottura se usato all'esterno.

    Io alla fine lo usavo in due soli modi:

    – lunghe marinature, in dosi abbondanti, per dargli modo di penetrare nella carne.

    – qualche goccia a metà cottura, in modo che non avesse troppo tempo per "svampare".

    1. Grazie mille per la dritta! Proverò sicuramente almeno un altro paio di tecniche per capire quale possa essere la più funzionale in fase di cottura! 😉

    1. Io non lo ho mai usato per questo scopo, non ancora almeno. Posso però confermare che è l’uso più consigliato.
      Io lo aggiungerei a fine cottura, per evitare che “evapori” il sentore affumicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *