AneddotiGare

Fire Battle 2019 – Val Cavallina BBQ

La stagione 2019 inizia in Val Cavallina, a Trescore Balneario in provincia di Bergamo.

Un sabato mattino di metà aprile uggioso, pioggerella leggera a tratti ci farà compagnia per tutta la giornata.
Un inizio di stagione strano… quando ci ritroviamo sotto il gazebo siamo un po’ troppo rilassati.

Potrebbe essere un po’ di “ruggine” accumulata durante l’inverno e l’onda lunga dell’euforia che abbiamo vissuto a seguito della gara NBC di Torino disputata qualche settimana.

Per fortuna , riusciamo a entrare in mentalità gara e a caricarci giusto in tempo per l’inizio della competizione, merito anche del nuovo sponsor Bembo Spices & Rubs, ci teniamo a dare il meglio di noi e ripagare chi ha creduto nel nostro team!

L’inizio della gara non è dei migliori, causa una partita di ribs non in ottime condizioni che dovranno essere sostituite al volo dall’organizzazione, impeccabile per tutta la giornata e che ha fronteggiato il problema nel migliore dei modi!

Si parte quindi con una bella tomahawk, un bistecca con osso , bella spessa e marezzata che viene presa in consegna da me e Max.

Decidiamo di applicare una cottura indiretta a bassa temperatura, così da scaldare uniformemente la carne e affumicare , prima di una cottura in ghisa che al momento dell’impiattamento ci soddisfa davvero.

Nel giro di breve i team vengono chiamati per la premiazione di categoria, ci aggiudichiamo un 6° posto su 15 team, indice che la nostra bistecca è piaciuta ma non ha convinto.. Abbiamo già individuato dove poter migliorare!

 

In parallelo Giulio, aiutato da Claudio, inizia a lavorare alla seconda categoria, l’apple pie!
Come ormai sapete Giulio è l’uomo della sperimentazione e per questa categoria si è cimentato in innumerevoli prove della “classica” apple pie Americana che decidiamo di accompagnare con un gelato artigianale “burro salato e vaniglia bourbon” della gelateria Ciacco.
Ne escono 4 monoporzioni goduriose, presentate in modo divertente elegante e creativo.

Dopo circa mezzora giungono le premiazioni di categoria, e ci rimaniamo male quando non veniamo chiamati nei primi 8. Le aspettative erano alte ma la classifica dice “decimi” confermando però il punteggio pieno per la presentazione.

 

Dopo un assaggio di ribs per far conoscere i rub del nostro sponsor e dopo aver ricevuto le ribs “sostitutive” (che per stessa ammissione dell’organizzazione “non sono il massimo”), è arrivato il momento di mettersi all’opera anche per Davide, che lavora quelle costine al meglio!

 

Mentre Davide è all’opera noi prepariamo qualche mini hamburger per ingannare il tempo e socializzare un po’ con gli altri team (la maggior parte ormai possiamo definirli amici!).

Con immensa sorpresa, tra il pubblico, ho anche incontrato amici di vecchia data che non vedevo da più di un decennio e che sono stati subito adottati sotto il nostro gazebo!

 

E’ giunto il momento delle ultime premiazioni, prima viene premiata la categoria ribs… un altro 6° posto che incontra le previsioni di Davide (non del tutto soddisfatto del suo operato).
In ultimo viene declamata la classifica generale e ci aspettiamo una chiamata (se chiamata sarebbe dovuta essere) tra l’ottavo e il sesto posto… Nulla.

Quando però ci sentiamo chiamare in 5° posizione, reagiamo con esultanza smodata e in un attimo si dirada l’amarezza che stavamo già gustando.

 

Rimane la delusione per un dolce che a nostro avviso aveva qualcosa in più da raccontare. Noi siamo soddisfatti del risultato e sicuramente lo riproporremo in altre occasioni!
Questo è il bello ( e il brutto) di una categoria “freestyle”, sempre diversa e senza un parametro da perseguire.
A noi piace sperimentare e “spingere” uscendo dalla zona di confort… non sempre si incontra il gusto della giuria!

 

Complimenti al team “The Grillers” per la gara quasi perfetta che li ha portati al 1° posto in classifica.

La partenza è stata un po’ in sordina, ma dal punto di vista umano è stata una bella giornata in compagnia di tanti amici.

Amici che rivedremo il 28 aprile a Rivergaro!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *